TESTI

Categorie: Testi
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: agosto 26, 2015
I testi de ilVignettificio - In Italia il reddito medio del 10% più ricco è pari al 27% del reddito complessivo, quindi 27/10 = 2,7, mentre il restante 90% si divide l’avanzo del 73%, ovvero 73/90 = 0,81 (1). E la forbice si allarga di anno in anno. Un sistema equidistribuito porterebbe una media di 1 per tutti. Personalmente, posso valutare che è pur vero che la spesa per una politica di integrazione e gestione dei flussi migratori esterni potrebbe stornare risorse pari ad un altro 0,01 medio, ma è pur vero che ogni politica interna mirante ad una più equa distribuzione delle risorse potrebbe donare al 90% più povero addirittura fino a +0,19, facendo scendere il 10% privilegiato dal suo piedistallo di potere del 2,7. Questa condizione è nota alle classi dominanti da sempre, così come da sempre operano affinché il restante 90% non agisca per riprendersi lo 0,19 mancante.

È all’interno di questo imperio che da sempre si inserisce lo strumento della guerra tra poveri come strumento più efficace di controllo e distrazione di massa. Il tuo sguardo sarà dirottato rigorosamente e costamente altrove: sarai addestrato ad aver timore solo dello 0,01 che ti sottraggono i flussi migratori, ti sarà detto che è per colpa loro se non avrai più una pensione, diritti sindacali, cure mediche, le piccole risorse e il tempo per andare al cinema o al teatro, ti caricheranno d’odio a piacere con servizi giornalistici selettivi, gli emissari diretti del dorato 2,7 ti daranno un’ipocrita pacca sulla spalla dandoti ragione e incitandoti a provare sempre più odio. A loro importerà sempre una cosa sola, che tu continui a guardare altrove, rigorosamente altrove, sempre e comunque altrove dal quel 0,19 di differenza, quel 0,19 di cui forse una metà ti spetterebbe di diritto e una metà potrebbe essere tua se operassi per conquistarla. Per ogni frase razzista c’è un emissario che sta cercando di farti dimenticare lo 0,19, ogni polemica serve a gettare il fumo intorno al 0,19 da recuperare, meglio l’odio per allontare l’incubo di un intero popolo che pensa solo a riprendersi lo 0,19 che gli è stato tolto, meglio un popolo che parla solo dello 0,01 che a loro viene tolto ulteriormente dal resto della popolazione mondiale più povera di lui.

(1) http://www.bancaditalia.it/pubblicazioni/qef/2012-0115/QEF_115.pdf

TESTI

Categorie: Testi
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: novembre 24, 2014
I testi de ilVignettificio -
SCENARI FUTURI

2015 – Elezioni anticipate. Inaspettato plesbicito per la Lega nord di Salvini. Funziona il patto elettorale con Forza Nuova. Primo decreto legge: via tutti gli immigrati. Dopo il tweet #Obamastaisereno, Renzi abbandona la politica italiana e si candida alla presidenza degli Stati Uniti. Napolitano si dimette per non turbare il nuovo potere leghista con il suo cognome. La maggioranza di Salvini fa eleggere come nuovo Presidente della Repubblica un tombino di ghisa: plauso del Corriere della Sera, critico il Fatto Quotidiano.

2016 – Le milizie di Casa Pound riconquistano Tripoli: risorge l’impero. Ma la Lega Nord di Salvini vuole la seccessione dell’Italia dalla Libia. Cade il Governo. Si rivota per le politiche. Dopo la partenza di tutti gli immigrati, valanga di consensi per il nuovo movimento “CCCTPIPDEAC – Col cazzo che ti pago i pomodori dieci euro al chilo” di Beppe Grillo. Pareggio con la Lega, parlamento bloccato, Salvini salvato dai voti dei transfughi Giorgio Mastrota e Barbara D’Urso, eletti nelle fila di Forza Italia.

2017 – Gli Italiani continuano a fare la vita di merda di sempre, in assenza di clandestini, Salvini sorprende tutti: il nuovo nemico è l’Euro. L’Italia torna alla Lira. Beppe Grillo fonda il nuovo movimento “CCCTPIPTLAC – Col cazzo che ti pago i pomodori trentamila euro al chilo”, ma dichiara che finquando le patate resteranno sotto le quindicimila lire non intende fare alleanze. Truppe anfibie, su ordine del neo presidente americano Matteo Renzi, sbarcano in Sicilia, poco dopo la pubblicazione del tweet #Salvinistaisereno.

2018 – Renzi risale la penisola in mezzo ad ali di folla festante, promettendo pareti rasate e tinteggiate con idropittura a 4 mila lire al metro quadro con il ritorno degli extracomunitari. Caos istituzionale: Papa Francesco prende provvisoriamente il potere e sancisce il ritorno dell’Euro, dopo aver constatato che le confezioni numismatiche del Vaticano hanno un mercato più ampio se espresse in questa valuta. Salvini raggiunge fortunosamente Porto Empedocle e si imbarca per la Libia: è l’esilio.

2019 – Protettorato americano di Renzi in gran parte d’Italia, capitale provvisoria Firenze, Papa Francesco mantiene il controllo delle regioni centrali, con capitale Roma: lo stato italiano non esiste più. Beppe Grillo rilancia il movimento “CCCTPIPDEAC – Col cazzo che ti pago i pomodori dieci euro al chilo” ma col ritorno dei migranti gli elettori con capiscono più il perché di quel prezzo nella sigla: crollo nei consensi. Renzi pubblica il tweet #Bergogliostaisereno: tra Vaticano e Protettorato americano è guerra.

TESTI

Categorie: Testi
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: novembre 9, 2014
I testi de ilVignettificio - Capitò così di osservare i cultori dell’ultranazionalista Mussolini invocare il suo ritorno in difesa della vergine Salvini, non considerando che essendo i leghisti secessionisti sarebbero i primi ad essere pestati a sangue dalle camicie nere. Inutile chiedersi, con tutte le stragi e le devastazioni lasciate in eredità nel 45, come fanno ad invocare “per un mondo più pulito qui ci vuole zio Benito”. Si sciacquano la bocca del termine fascismo. Ma è inutile chiedergli sia di cosa ne pensano di Gentile, Grandi, Ciano, Balbo, Bottai, o dell’impresa di Fiume. Sia di cosa ne pensano dell’omicidio Matteotti, Ventotene, o l’uso di armi chimiche in Etiopia. Vivono di granitiche certezze, conoscono solo una parola, Mussolini, ma basta poco per capire che di tutto il resto non sanno un cazzo. Peggio delle vecchiette con Padre Pio.

TESTI

Categorie: Testi
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: ottobre 14, 2014
I testi de ilVignettificio - Ebola, notizia: 9000 contagi e 4500 morti. Deduzione: 50% di mortalità. E invece no: notizia: oms 70% mortalità, in base a quali dati? Nessuna nota di commento. Notizia: Onu possibile mutazioni, diffusione per via aerea, ma anche notizia: esperti di tutto il mondo: impossibile mutazione di questo tipo del virus, sarebbe come temere una diffusione aerea del virus dell’aids. Notizia: usato sangue dei sopravvisuti per curare i malati, ma anche notizia: il virus sopravvive nel sangue di chi è guarito, vietate le donazioni. Notizia: dipendente Onu ammalato in Africa, trasportato in Germania per ricevere cure migliori, muore. Sintesi criminale del corriere: Ebola, primo morto in Germania. Primo de che? far capire magari che non c’è nessuna epidemia in corso in terra tedesca? A cui sommare le infinite notizie di falsi allarmi molto probabili sparate a caratteri cubitali come notizia dello sbarco in loco della malattia. Pressapochismo e pazzi criminali alla ricerca di notizie sensazionalistiche. Eccolo servito il giornalismo del terzo millennio.

TESTI

Categorie: Testi
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: settembre 28, 2014
I testi de ilVignettificio - IL FAVOLOSO MONDO DI RENZIE

Aboliremo il reato di omicidio. Il risparmio di soldi ottenuto evitando di mantenere un assassino in galera verrà in parte girato alla famiglia della vittima sotto forma di indennizzo. Basta con la difesa ideologica del processo penale. Non possiamo dare in mano ad un giudice una scelta così delicata come privare della libertà personale un omicida. L’assassino deve essere libero di sfogare la sua sete di sangue, sennò poi gli ci viene la nevrosi e diventa violento. Tutto questo è ganzo. E ce lo chiede l’Europa. O l’Isis: al momento non ricordo.

TESTI

Categorie: Testi
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: agosto 19, 2014

 
I VASCELLI DI CHINA

SORROW BLUES Le mie parole
sassi levigati
scagliati nel buio
per ottundere
il dolore in agguato,

confetti di ordine
raccolti nel caos
di un rito solenne
officiato
da un ministro inatteso.

Il nulla
che il flusso del mondo
esonda sui sensi
asciugo
con un tratto di penna.

Il foglio
una vela di seta
legata a frammenti di legno
mi addita un porto
dall’orizzonte
non ancora svelato.

TESTI

Categorie: Testi
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: agosto 8, 2014

 
IL FIUME DI MARMO

SORROW BLUES Di marmo
è il tuo ricordo
che sovrasta
la cassa si legno
della mia quotidiana
esistenza.

Invano invoco
un terremoto
che squarci
il velo del suolo
in un fracasso
di nuvole.

Il percolato unge
la mia mano immobile
che attende un cancello
sciacquato
dall’acqua.

Le gambe fuggono
il tempo
inchiodandomi
ancora.

TESTI

Categorie: Testi
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: agosto 6, 2014
I testi de ilVignettificio - Non solo nel mondo stava per scoppiare la terza guerra mondiale. Non solo il mio paese era sull’orlo del tracollo economico. Come potrò raccontare alle future generazioni che tutto questo stava per accadere proprio nel corso di giornate in cui venivo sollecitato più di venti volte al giorno a rispondere alla fatidica domanda: “Cosa fai per avere ascelle al top?”

TESTI

Categorie: Testi
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: giugno 4, 2014
I testi de ilVignettificio - AVVISO URGENTE: onde alleggerire il compito alla magistratura, e snellire le procedure processuali, la decina scarsa di funzionari pubblici e personale politico onesto rimasto sul territorio italiano è pregato di presentarsi nella giornata di domani presso la prefettura più vicina, al fine di autocertificarsi. I restanti soggetti saranno arrestati per esclusione nella giornata di dopodomani, condotti al punto di raccolta convenuto, come da decreto attuativo, per essere caricati su nave portabestiame, condotti in acque internazionali e ivi affondati. Gigi D’Alessio allieterà la breve traversata in mare con un suo concerto dal vivo, al termine del quale sarà incatenato insieme agli altri, cogliendo così due piccioni con una fava.

TESTI

Categorie: Testi
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: giugno 2, 2014
I testi de ilVignettificio - Sogno un due giugno senza sfilate militari e giornalisti col vibratore nel culo occupati a fingere gemiti di piacere per tutta la telecronaca. Sogno un due giugno con il presidente della repubblica, tutte le massime autorità, i cardinali e i generali che offrono un pranzo e lo preparano con le loro mani e lo servono almeno per un giorno ai più poveri di questo paese, per quanto è possibile ospitarne in un’immensa tavolata imbandita nel piazzale del Quirinale. Nel 1948 ha vinto la Repubblica. Finitela con le celebrazioni di matrice Fascista, finitela con i balli di corte di una Monarchia mascherata, che tutti ha stancato.
«pagina 1 di 5

Articoli recenti
Commenti recenti

    Benvenuto , oggi è giovedì, giugno 22, 2017