RISPOSTE PRIVATE

Categorie: Risposte Private
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: marzo 5, 2011

Risposte private di
Sussana Agnelli

Le risposte private de ilVignettificio - Cara Sussana sono disperata. Sto organizzando il mio viaggio di nozze, ma non riesco a trovare una soluzione che metta d’accordo tutti. Io vorrei andare in Polinesia. Gianfranco, il mio futuro sposo, vorrebbe andare in Sudafrica. Mia suocera vorrebbe che noi andassimo in Sud America. È una donna molto insistente. Ho giustamente chiesto a Gianfranco di sopprimerla, una volta sposati gli chiederò in continuazione di farlo, tanto vale che si porti avanti sul lavoro. Gianfranco ha trovato logica la mia proposta, ma mi ha detto che prima di farla fuori vuole farsi rivelare l’ingrediente segreto della Noce di Cocco in Salsa Tonnata che mia suocera sa fare così bene. Gianfranco è un uomo con dei valori, un poco all’antica, non vuole che si disperdano le tradizioni della sua terra. Ma abbiamo poco tempo, giovedì termina l’offerta 3×2 sul veleno per topi, e vorremmo tenere in casa prove compromettenti il meno possibile. Le chiedo con gentilezza se potrebbe essere lei a rivelarci l’ingrediente segreto. Con affetto.

Gigiona Zuccherosa ’68, Milano

.
Carissima, non è un problema. Conosco l’ingrediente segreto della Noce di Cocco in Salsa Tonnata: le ali di colibrì impanate in farina di manioca. Sopprimete pure con tranquillità vostra suocera: non serve il topicida, basta prepare per lei una variante del piatto, aggiungendo burro e olio lubrificante per motori diesel navali, poi invitatela a cena. Godetevi il vostro viaggio di nozze. Vi auguro un matrimonio felice e sereno. Bacini Sussana.

RISPOSTE PRIVATE

Categorie: Risposte Private
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: novembre 23, 2008

Risposte private di
Sussana Agnelli

Le risposte private de ilVignettificio - Questa estate al campeggio ho conosciuto una ragazza. È una hostess Alitalia. Lei è stupenda, è bella, è intelligente, è sensibile, è andata a letto con mio padre (è vedovo). E pensare che non la avevo ancora presentata in famiglia. Da allora non ho voluto più parlarle. Ma non è tutto. Dieci giorni fa mia sorella mi ha raccontato che l’ha trovata a letto con mio cugino e giusto ieri mia cugina mi ha confessato che l’ha sopresa a letto con mio fratello. Ero sicuro che quando l’avessero conosciuta avrebbe saputo farsi amare, ma io non pensavo di certo a questo. Sto soffrendo le pene dell’inferno. Non capisco, non è più lei. Sussana le lascio un suo recapito. La prego, mi aiuti, ci parli lei con quella vacca bastarda, io non ce la faccio: l’amo ancora troppo, non riesco a continuare in questo stato.

Stallone Piagnone ’76, Recanati

.
L’ho chiamata. È tutto un malintesto: la smetta di disperare. È stata licenziata qualche settimana fa, lo ha taciuto per orgoglio. Da allora ha dovuto tagliare molte spese. A partire dalle lenti a contatto: non glielo aveva mai detto ma è molto miope. Corra da lei per abbracciarla di nuovo. E la ringrazi per aver cementato l’affiatamento della vostra famiglia.

RISPOSTE PRIVATE

Categorie: Risposte Private
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: febbraio 16, 2008

Risposte private di
Sussana Agnelli

Le risposte private de ilVignettificio - Cara Sussana il mio vicino di casa è un immigrato. Io non ho nulla contro di loro, però puzzano. In realtà tutte le volte che lo incontro è profumatissimo, ma so che è solo un modo subdolo per nascondere la sua puzza. Sono furbi. Se non stiamo attenti prima si prenderanno le nostre donne, poi i nostri televisori e infine i nostri centri commerciali. Ho cominciato a spiarlo. Ho scoperto che tutti i Lunedì esce di casa alle 7,03 ZULU, con un margine di errore di 3 minuti e 18 secondi, per rientrare verso le 17,06 ZULU, con un margine di errore di 9 minuti e 41 secondi. Così pure al Martedì, Mercoledì e Giovedì. Al Venerdì invece esce di casa ancora verso le 7,03 ZULU ma rientra intorno alle 13,21 ZULU, con un margine di errore di 5 minuti e 14 secondi. Trovo questo comportamento assai sospetto. Sono allarmato. Non vorrei fosse una terrorista. Ho sentito che per preparare un attentato servono molte ricognizioni. E in più lui è mussulmano. Mi dica, Sussana, cosa ne pensa?

Calabrese ‘ 51, Torino

.
Niente dubbi: è un terrorista. La minaccia è grave, non c’è un minuto da perdere. Ho già contattato le autorità. Squadre di incursori sono già state paracadutate nel centro storico nelle prime ore del mattino. Duecento carrarmati supportati dall’artiglieria stanno attraversando la Val Padana per stringere d’assedio Torino. I cacciabombardieri stratategici sono stati messi in preallarme. Una portaerei della VI flotta sta risalendo il Po scortata da una mezza dozzina di incrociatori. Quel bastardo non la passerà liscia. Lo cattureremo e faremo giustizia. Un bacio, Sussana.

RISPOSTE PRIVATE

Categorie: Risposte Private
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: luglio 27, 2007

Risposte private di
Sussana Agnelli

Le risposte private de ilVignettificio - Vengo al sodo. L’altra sera, stanca com’ero, mi addormentai sopra le lenzuola con indosso solo la camicetta e per mutanda cinque gocce di Chanel. Mio marito decise di indire una festa in onore delle gocce. Prese la rincorsa per tutto il corridoio e al varco della porta della camera da letto spiccò un balzo per zomparmi addosso. Solo che in quel momento mi girai dall’altra parte, lui rimbalzò sul materasso e si andò a conficcare di culo sulla controsoffittatura del solaio. L’impatto fu così violento, che dopo un po’ crollò l’intero soffitto. Mio marito andò a schiatarsi sul pavimento, poi gli cadde addosso la poltrona della signora Paoletti del piano di sopra, con sopra la signora Paoletti. Lei si incazzò perché le interrompemmo la sua fiction preferita. Ebbra di rabbia, la dolce vecchietta caricò mio marito sulle spalle e lo gettò giù dalla finestra. Proprio in quell’istante il manto stradale si aprì per una voragine causata da una grotta carsica, finora ignota. Atterrò su un laghetto. La corrente di una falda sotterranea lo trascinò via. Da allora è disperso. Io voglio assolutamente ritrovarlo ma non so come fare. Sussana mi dià un consiglio.

Siculo-padana ’71, Carrodano

.
Ammesso e non concesso che suo marito non sia decesso, può provare a localizzarlo contaminando con l’acido muriatico le falde della città e seguire il suo grido di dolore per il bruciore. Può finanziare le operazioni di recupero rivendendo il brevetto delle molle del suo materasso alla Nasa. Si faccia aiutare dalla signora Paoletti e le chieda con quale salsa condisce il semolino. Poi mi riferisca che cosa le ha detto.

RISPOSTE PRIVATE

Categorie: Risposte Private
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: giugno 23, 2007

Risposte private di
Sussana Agnelli

Le risposte private de ilVignettificio - Leggo sempre la sua rubrica. In fin dei conti è sempre meglio che andare al parco ad avvelenare scoiattoli. L’altro giorno volevo festeggiare con una bella cenetta la promozione di mio marito: sa, a causa delle nuove mansioni dovrà stare di più in ufficio e io avrò più tempo libero da passare con il mio amante: il suo capo. Sono andata dal macellaio. Avevo intenzione di acquistare della Lonza per fare un Roast beef. “Vorrei due fette di Lonza prego” dissi. “Lombata?” rispose il macellaio. “No Lonza… Sottofiletto… la chiami come vuole”. “Sì Lombata… Scorsa… Scorzetta…”. “Lonzaaaa, ho detto Lonza”. “Il Biffo!”. “Ma cos’ha, subbappaltato i padiglioni auricolari? Voglio della Lonza, la Lonza, come devo dirlo: Lonza…”. “Sì la Trinca…”. “Senta avvinazzato ci sarà lei, vabbe’ lasci perdere, mi dia del Matamà”. “Braciola di sottospalla!”. “Lei si droga vero? A me può dirlo sa… ho detto vorrei del Matamà, M-a-t-a-m-à: il Rosciale”. “Sì la Fracosta, e io che ho detto”. “Senta, se non la smette le sfratto la minchia, ce l’ha della Fesa e così non se ne parla più”. “Coscia o Natica?”. “Ma brutto porco, vaffanculo”. Non ci vidi più, presi e me ne andai. Ho rinviato la cena. Ora non so cosa fare come secondo. La prego Sussana, mi aiuti lei.

Moglie Devota ’67, S. Antìoco di Bisàrcio

.
Può andare a recuperare al parco qualcuno degli scoiattoli avvelenati, bollirlo, spellarlo, affettarlo e condirlo con salsa tonnata. Potrà far credere a suo marito che si tratta di vitello; anche se al primo boccone correrà comunque in bagno a vomitare, quando si chiederà il perchè di questi conati, lei potrà dare la colpa al governo Prodi. Funziona sempre.

RISPOSTE PRIVATE

Categorie: Risposte Private
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: maggio 26, 2007

Risposte private di
Sussana Agnelli

Le risposte private de ilVignettificio - Cara Sussana, mi chiamo Francesco, ho quarant’anni, sono un impiegato parastatale e vado a puttane. Tutto cominciò per caso. Una sera accostai una povera giovincella che mi pareva in difficoltà. “Posso salire?” mi chiese. “Sì, certo” risposi. Arrivati vicini ad uno spiazzo, “Puoi accostare qui” mi disse. “Sì, certo” risposi. “Allora, la vuoi tirar giù o no, la patta” mi disse. “Sì… c…certo” risposi. All’improvviso mi parve fosse diventata un angelo. La guardavo mentre articolava le fauci intenta a svergarmi il pinnacolo, e pensavo con meraviglia alla fortuna di aver incontrato questa signorina così generosa e altruista. “Finalmente ho trovato una madre per i miei figli” pensai. Volevo sposarla, sa io sono un tipo all’antica, credo molto nel matrimonio. La mia prima moglie ci credeva un po’ meno. Passarono minuti che mi parvero eterni. “Sono trenta euro”, alla fine mi disse. Fu l’amaro risveglio. Solo allora capii il suo mestiere. Ma ormai ero innamorato. Ci rivedemmo anche nelle sere successive. Un giorno mi presentò alcune sue amiche. Loro mi chiamarono. Io, sventurato, risposi anche a tutte loro. Da allora è passato un anno. Sono felice, ma questa felicità costa. Ho dilapidato i miei risparmi, e ho sempre bisogno di soldi. Non so come fare per andare avanti. La prego Sussana mi aiuti.

Francesco ’57, Assisi

.
Fossi in lei non dispererei. Si iscriva ad un sindacato e pianti un un po’ di casino. Sono sicura che non avrà difficoltà a far stornare i soldi del fondo solidale per i giovani precari per farle avere un raddoppio di stipendio. Anzi se agisce bene all’interno del sindacato, riuscirà a convincerlo a dare l’ok a qualche altro pacchetto di riforme neoliberiste, e potrà contare sull’ingresso di un sacco di nuove belle giovani costrette a prostituirsi per tirare a campare.

RISPOSTE PRIVATE

Categorie: Risposte Private
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: maggio 12, 2007

Risposte private di
Sussana Agnelli

Le risposte private de ilVignettificio - Carissima, siamo una coppia di fatto. Tempo fa abbiamo anche provato ad adottare un bambino per seviziarlo. Si sa, noi coppie di fatto siamo tutti delinquenti pervertiti pedofili figli del maligno. Ma siamo anche molto devoti. Decidemmo di farlo per non contraddire i giudizi nei nostri confronti espressi negli ultimi tempi da autorevoli esponenti della conferenza episcopale. Ma non ci riuscimmo (lui scappò). Questo turbò le nostre anime sperdute. Volevamo parlarne una sera con il Monsignor, ma la perpetua ci disse che era impegnato in una cena in suo onore organizzata dai fabbricanti di mine antiuomo. Per sfogarci un po’ allora decidemmo di andare all’uscita del mercato a bastonare le vecchiette. Si sa, noi coppie di fatto siamo tutti delinquenti pervertiti pedofili figli del maligno. Una di queste vecchiette, invocando pietà, ha detto che se volevamo poteva darci in affidamento sua nipote. Non ci parve vero. Ritrovammo la luce. Avviammo le pratiche. Ma queste scorrono a rilento. Sussana, lei che è così ricca e potente, la prego corrompa qualcuno. Vogliamo arrivare ad una conclusione al più presto. Ci teniamo molto a diventare una coppia di fatto di delinquenti pervertiti pedofili figli del maligno a tutti gli effetti.

Pollicione ’84 e Mignolina ’83, Castelvecchio Calvisio

.
Carissimi, essendo anche io una credente devota apprezzo molto i vostri sforzi per non contraddire il giudizio ponderato espresso da personalità così saggie ed illuminate. Sarò lieta di corrompere il direttore del centro adozioni. E se non vorrà soldi, magari proverò ad andare a letto con lui. Così unisco l’utile al dilettevole. Saluti e auguri di buona adozione, Sussana.

RISPOSTE PRIVATE

Categorie: Risposte Private
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: dicembre 14, 2006

Risposte private di
Sussana Agnelli

Le risposte private de ilVignettificio - Carissima, deve sapere che ho speso gran parte della mia vita a combattere contro l’asse del male: mia suocera, mia cognata, la vicina. Tutto questo stress mi ha fatto venire i capelli bianchi. Cominciai a tingerli. Ma anni e anni passati in vicinanza dei vapori di intrugli dalla natura incerta mi hanno devastato le cavità nasali. All’apparenza è tutto normale, ma deve sapere che a contatto con alcuni odori comincio a starnutire e non la smetto più. Non so perché. L’effetto più tremendo lo ho con le cipolle. Sono disperata. Tutte le volte che cucino il fegato alla veneziana per mio marito, mi ritrovo ad innaffiarlo con il mio muco. A mio marito non lo ho detto. Lui un paio di volte ha commentato: “Lo sai che da un po’ di tempo il fegato alla veneziana ti viene particolarmente saporito”, ma non sospetta nulla. Deve sapere che a me non piace mentirgli. Vorrei dirgli perché il fegato alla veneziana viene così saporito, ma non ce la faccio: non ho il fegato. La prego mi aiuti a venirne fuori.

Southern Housewife ’52, Imperia

.
Potrebbe mettere le corna a suo marito con l’idraulico, registrare la prestazione e mandare la cassetta alla redazione di quel nuovo simpatico reality “La cascina degli Sputtanati”. Suo marito si adirerà notevolmente e la mollerà, così non dovrà più cucinare per lui e non dovrà più mentirgli.

RISPOSTE PRIVATE

Categorie: Risposte Private
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: settembre 16, 2006

Risposte private di
Sussana Agnelli

Le risposte private de ilVignettificio - Cher Sussana, ma petit chatte, l’anno scorso andai in ferie a Samarcanda. Durante il viaggio di ritorno ero impaurito e voglioso come un pulcino che si accinge a mangiare una omelette cucinata da uno chef francese coi controcoglioni, fremevo pensando al godimento fisico nel vedere i miei colleghi di ufficio sbavare d’invidia. Avevo preparato tutto nei minimi dettagli: foto, filmati, anche un proiettore olografico ordinato per posta. Male feci i conti: la ditta fallì proprio il giorno prima del mio rientro. Caddi in depressione. Pensai di tagliarmi le vene, ma la vista del sangue mi faceva morire dalla paura. Così decisi di togliermi la vita comprando uno stock di bond argentini. Ma da quando hanno mandato a fanculo quelli del Fondo Monetario Internazionale, l’economia è stata in forte ripresa. Ora sono straricco. Non vedo l’ora di trovare un modo per dirlo ai miei ex colleghi per farli marcire nella loro bile. Sussana lei che è così saggia e aristocratica, mi dia un consiglio su come fare. La ringrazio. Baci, abbracci e tarallucci tempestati di diamanti.

Fervente Credente ’55, Bassano del Grappa

.
Un modo efficace potrebbe essere presentarsi a casa loro assieme ad uno stuolo di avvocati strapagati, pisciargli sulla tappezzeria e poi esclamare: “Ora prova a farmi causa se ne hai il coraggio!”. Se poi ha un rimorso di coscienza, anche se glielo sconsiglio, può giustificare il gesto sostenendo che una regolare diuresi fa bene all’organismo, lo dice anche Gigliola Cinquetti, invitandoli a mingere tutti insieme nuovamente sulla loro tappezzeria.

RISPOSTE PRIVATE

Categorie: Risposte Private
Tag: Nessun tag
Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: luglio 14, 2006

Risposte private di
Sussana Agnelli

Le risposte private de ilVignettificio - Cara Sussana tempo fa ho sofferto di intestino pigro. Ma questo non era un problema. Solo che poi però mi è venuto anche il belino arzillo. Niente di male, a parte il particolare che io sono una donna. Fu da allora che cominciai a battere in centro. Ero entusiasta. Pensavo: finalmente mi potrò comprare una casa. Sono andata dal mio agente immobiliare. Ho cercato, ho cercato ma trovavo solo prezzi folli. “Che deve fare oggigiorno uno per comprarsi una casa, andare a battere?!” dissi. “Guarda che tu lo fai già” egli rispose. “Ah, già è vero” ribattei. Convergemmo alla fine verso una villetta unifamiliare in periferia. Solo che non era in vendita. Ed era abitata. Ma non intendo rinunciarvi, i tempi sono stretti: Mercoledì termina la promozione 3×2 all’Ikea e ne voglio assolutamente approfittare. Ho deciso così, per accelerare lo sgombero, di sterminare gli occupanti. Per questo le chiedo, a lei, che è una signora così a modo ed elegante, che sicuramente conosce a menadito il galateo: come posso sterminarli senza offendere la loro sensibilità? Sa, ci terrei molto, non vorrei che dopo la strage tornino sulla terra per infestarmi la casa. La leggo sempre, vivissimi complimenti.

Caramellina ’76, Vigevano

.
Ho chiesto una consulenza a Pinochet e lui mi ha suggerito di caricarli tutti su un aeroplano e gettarli in mare aperto. Dovrebbero sparire per sempre (e più, se è fortunata, può anche rimediare una stretta di mano da Kissinger). Ma questo sistema mi lascia perplessa. Io preferisco di gran lunga i ravioli con salsa di noci. Magari con una piccola spruzzata di tartufo e scaglie di parmigiano. Conosco un locale in periferia che fa degli ottimi piatti. Se vuole le posso dare l’indirizzo.

«pagina 1 di 2

Articoli recenti
Commenti recenti

    Benvenuto , oggi è sabato, luglio 22, 2017